Fare social commerce nel 2021 non dipende solo dal budget di advertising


In questo MegaBite di fine anno saremo più franchi del previsto.
Se per migliorare le performance del tuo eCommerce hai allocato solo budget per fare advertising abbiamo una pessima notizia. Non andrà tutto bene.

SOCIAL COMMERCE: PIANIFICARE IL BUDGET DI ADVERTISING NON BASTA.

La consapevolezza della necessità di un budget di advertising per spingere le proprie attività di commercio digitale è fondamentale ma non sufficiente per approcciare la vendita on line con successo.
Per attuare una strategia di advertising infatti, oltre al budget e alla visione d’insieme, servono anche le creatività per riempire le campagne. In poche parole, è necessaria una content strategy per il social commerce.


STRATEGIE DI SOCIAL COMMERCE: A CHI STIAMO VENDENDO?

Le strategie  di social commerce da seguire per vendere on line sono infinite, in quanto devono essere sartorializzate sulla base del business plan che abbiamo tracciato.
Ci sono due cose fondamentali da capire per strutturare adeguatamente la nostra strategia comunicativa di social commerce.
Vogliamo promuovere un brand o la vendita di una serie di prodotti?
Stiamo costruendo un piano di comunicazione per la distribuzione o per l’utente finale?


STRATEGIE DI SOCIAL COMMERCE: BRAND OPPURE PRODOTTO?

Sembrano domande scontate: eppure sono queste le prime due grandi ingenuità in cui cade anche il migliore dei piani di comunicazione.

Non avere chiara la differenza fra un planning di prodotto e un planning di brand, in breve tempo porterà diversi team a sprecare energie e generare confusione sulle piattaforme di vendita.

Promuovere un brand vuol dire lanciare azioni coordinate che coinvolgono l’utente in un universo di valori, al di là della singola scheda prodotto.
È necessario pensare alla realizzazione di una promessa di marca, a un patto con i propri utenti finali e a una modalità narrativa che renda riconoscibile la marca al di là del logo inserito su scatto.

Promuovere la vendita di prodotto vuol dire giocare sul pricing, sui singoli dettagli di scheda prodotto e sulla riconoscibilità a scaffale (digitale e non).



Se vogliamo approcciare la vendita digitale di prodotto, possiamo scegliere di non dare, come step prioritario, un core value emozionale alla piattaforma, puntando alle funzionalità di acquisto rapido basate su una ottimizzazione estrema della customer journey.

Se vogliamo fidelizzare i nostri utenti al di là del pricing, è necessario seguire la via del branding a partire dalla piattaforma di vendita.
La piattaforma deve non solo essere impeccabile dal punto di vista dell’acquisto, ma anche differenziarsi dal classico aggregatore (che magari ha dalla sua parte un pricing competitivo).

Le strategie di social commerce possono esserci utili, in maniera diversa, in entrambi i casi.

3 STRATEGIE DI SOCIAL COMMERCE UTILI PER FARE BRAND

  1. Rendi esplicita su piattaforma la mission di brand, la promessa che intendi mantenere con il tuo pubblico, al di là del pricing. I social devono raccontare “il dietro le quinte” del tuo brand (ricerca dei materiali, selezione delle novità di settore, expertise maturata e preview delle collezioni);
  2. Rendi esplicita su piattaforma la mission di brand, la promessa che intendi mantenere con il tuo pubblico, al di là del pricing. I social devono raccontare “il dietro le quinte” del tuo brand (ricerca dei materiali, selezione delle novità di settore, expertise maturata e preview delle collezioni);
  3. La comunicazione deve prevedere un’ampia copertura dell’high funnel per posizionare nelle mente dei tuoi utenti l’universo di vantaggi offerto dalla tua piattaforma, in cui l’offerta di prodotto è fondamentale ma non sufficiente a stregare l’utente finale.

3  STRATEGIE DI SOCIAL COMMERCE UTILI PER RACCONTARE I SINGOLI PRODOTTI 

  1. Il social content deve essere dinamico e raccontare, secondo i criteri di interesse usati nelle schede prodotto, i punti di forza del singolo prodotto;
  2. Il content marketing deve dare la massima attenzione alle singolarità del prodotto e, allo stesso tempo, trovare un fil rouge con la piattaforma di vendita: il rischio, altrimenti, è quello di spingere l’utente verso il prodotto ma non all’acquisto sui nostri canali;
  3. Fare soocial commerce di prodotto non vuol dire infilare il prezzo ovunque. Non è con il prezzo in un copy o in una immagine che si spinge un utente all’acquisto. Per esporre il prezzo esistono le funzionalità shop. Inserire il prezzo in una immagine di prodotto è una mossa che rende cheap anche l’articolo di maggior pregio.
    Anche nell’attuazione di content marketing  di prodotto, ricordiamoci sempre che sui social vogliamo sognare e non semplicemente comprare.

Come ti abbiamo già detto nel nostro primo #MegaBite, non ti lasceremo mai con 3 soluzioni cotte e mangiate, né con i 3 segreti definitivi e l’errore invisibile che tutti commettono per fatturare triliardi di paperdollari.

Qualunque sia il nostro business, dobbiamo essere in grado di  focalizzare bene pregi, difetti e rapide evoluzioni del nostro mercato di riferimento.

Pianificare non serve a nulla se non abbiamo chiaro il nostro obiettivo di vendita.
Usare i social network per copiare le nostre schede prodotto non vuol dire fare social commerce.
Fare social commerce vuol dire unire le potenzialità di vendita e comunicazione dei social network alle nostre leve commercio digitale, seguendo i linguaggi di comunicazione propri dei social network.


Ti lasciamo anche questa volta con 3 domande per rileggere con occhi nuovi, secondo la formula del vuja de, le strategie che stai applicando o hai intenzione di applicare al futuro del commercio digitale

Alla luce di quanto letto:

  1. Ritieni che la tua content strategy sia solo una duplicazione delle tue schede prodotto?
  2. Quali sono i 3 limiti principali che vedi nella tua attuale strategia di social commerce?
  3. Rileggendo i contenuti dei tuoi canali social, trovi una forza di brand o vedi solo prodotti fotografati “bene”?

Speriamo davvero di averti dato elementi sufficienti per riflettere sulla tua attuale  e futura strategia  di social commerce.


Se vuoi condividere con noi le tue riflessioni sul social commerce  puoi inviarci un DM o taggarci su:

Twitter: @Magilla_Agency

Instagram: @Magilla.Agency

Facebook: @Magilla.Agency

LinkedIn: @Magilla.Agency

per raccontarcelo.

Raccoglieremo e analizzeremo tutti i feedback per le prossime uscite di MegaBite.


Sei interessato a migliorare i tuoi processi di vendita on line?
Ascolta eCommerceonair, il primo salotto audible dedicato al mondo del commercio digitale.
Calicantus, Magilla e Prestashop ogni mese condividono gli iscritti al nostro canale Spreaker i migliori tips per la vendita digitale.
Scopri di più: iscriviti e ascolta il podcast!

ecommerce on air podcast
Articoli correlati
Privacy VS Profilazione: cosa fare dopo il caso Google Analytics.

Privacy VS Profilazione: cosa fare dopo il caso Google Analytics.

Come destreggiarsi nella scelta degli influencer evitando le truffe

Come destreggiarsi nella scelta degli influencer evitando le truffe

The Future is “not” private

The Future is “not” private

Dicci cosa ne pensi su...

Vuoi saperne di più?

Oppure scrivici

    1
    Dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy presente sul sito ed autorizzo inoltre il trattamento dei miei dati personali secondo la Sezione 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003 art. 13 del Regolamento generale sulla Protezione dei Dati (EU) 679/16 (GDPR).
    Iscriviti alla nostra newsletter

    Sai cos'è MegaBite?

    MagillaGuerrilla s.r.l.

    Palazzo Aldrovandi
    Via Galliera 8 - Int. 22 - 40121 Bologna (BO), Italy
    P.I. – C.F. 03157711205 - REA BO 496758 - C.S. € 12.000
    Tel. +39 051 221872

    Privacy policy - Cookie policy - Impostazioni cookie

    Magilla | Il pollice opponibile del marketing