Twitch (non) è un social per 4 gatti.

MegaBite_20

Instagram è per i giovani.
TikTok è per la gen. Zeta.
Twitter è per i giornalisti. O per quelli che guardano Propaganda Live.
Facebook è per i vecchi. E comunque è morto.
YouTube? Eh va beh, su quello ci mettiamo i video aziendali che tanto è gratis.
LinkedIn serve per trovare lavoro. E alla fine va bene per il B2B.
E Twitch?
Twitch è quello per guardare quelli che giocano ai videogiochi.
Se il tuo 2021 inizia con questa forma mentis, prendi questo MegaBite e tatuatelo!
Nel 2021, se ancora non lo hai fatto, esiste una sola frase chiave che devi rimuovere dal tuo vocabolario da marketers: “ABBIAMO SEMPRE FATTO COSÌ”.
Concepire i social media come leve di marketing a “compartimenti stagni” farà affondare la tua strategia davanti al primo iceberg che ti mostrerà come una sola falla, neanche tanto profonda, può compromettere la struttura d’insieme della tua strategia.


Come primo MegaBite di questo 2021 abbiamo scelto di raccontarti, in 7 punti, il socialnetwork che per nostra esperienza sta cambiando pelle più rapidamente degli altri, ovvero Twitch.
Vogliamo dedicare questo numero 20 di MegaBite a Twitch, per capire insieme come mai 4 milioni di utenti italiani sono attivi su quella, che una volta, era solo una piattaforma per guardare gente che giocava.

TWITCH SPIEGATO IN 7 PUNTI



01. TWITCH: CHE COS’È?
Twitch è un sito di live streaming lanciato nel 2011, come spin-off della piattaforma Justin.tv, in cui i videogiochi erano il topic più quotato dagli utenti.

02. DI CHI È TWITCH?
Twitch viene comprato nel 2014 da Amazon per la modica cifra di 970 milioni di dollari.
Twitch Creative, l’area dedicata ai contenuti creativi, è stata lanciata il 28 ottobre 2015. Il lancio includeva una maratona di The Joy of Painting di Bob Ross. Alcuni dei canali più popolari su Twitch sono di proprietà di user di spicco dell’universo YouTube, che stanno usando le funzionalità di live streaming del sito per creare un legame “real time” con i propri follower.
Gli utenti di Twitch possono partecipare a una chat dal vivo durante le sessioni di gioco e vivere in tempo reale l’esperienza di gioco e community, proprio come se fossero nella stessa stanza del loro streamer

03. TWITCH: CHI SONO I SUOI UTENTI?
Per rispondere a questa domanda citiamo il ricco reportage di Vincos (Twitch – opportunità per streamer).

“Negli Stati Uniti, dove ormai ha raggiunto la maturità, più di metà degli utenti ha un’età compresa tra i 18 e i 34 anni e il 14% ha meno di 18 anni.”
Sempre secondo il reportage di Vincos, su Twitch, ogni mese, sono attivi circa 4 milioni di italiani, soprattutto uomini (67%) e studenti (24%), con focus su scienza, tecnologia e musica.
Per una panoramica più completa, abbiamo scelto di  unire alla ricerca di Vincos anche alcuni approfondimenti di Statista.


a) User Twitch distribuiti per country

b) User Twitch distribuiti per genere (la chart è del 2019)

c) Crescita degli streamer Twitch  attivi in tutto il mondo dal 2018

d)In questa chart vengono mostrati gli utenti che fruiscono dei contenuti disponibili su Twitch a partire dal 2018

04. TWTICH: COME VIENE USATO?
Sempre secondo la ricerca di Vincos, Twitch una media giornaliera di 26,5 milioni di visitatori, 2 milioni di visualizzatori medi in qualsiasi momento e oltre 6 milioni di streamer ogni mese. Nel 2019 Twitch vanta ben 600 milioni di minuti di stream visti.
Per capire bene il senso di questi dati, basta dare un’occhiata agli spettatori di YouTube per il periodo 2017/2019. Ci si muove sull’ordine di grandezza dei miliardi, come mostra questa chart.

Dobbiamo quindi leggere i dati di Twitch rapportandone le misure ai grandi player esistenti, quando si vuole intraprendere una strategia di “mass market”

05.  TWITCH: QUALI SONO I CANALI PIÙ POPOLARI?
 Statista ci presenta una classifica dei canali con il maggior numero di follower su Twitch.

Come qualcuno ha già intuito, si tratta di canali soprattutto di e-sport.
Non troviamo ancora una diversificazione nella top ten di novembre 2020.
A questo link potete seguire le evoluzioni dei canali più popolari direttamente da Twitch.

06.  TWITCH VS YOUTUBE: SONO LA STESSA COSA?
Potremo parlare ore e ore di quanto siano diversi YouTube e Twtich. Il nostro obiettivo, in ogni numero di MegaBite, è quello di essere brevi ed efficaci. In sostanza, YouTube e Twitch sono piattaforme diverse, poichè una ha un core video (YouTube), l’altra (Twitch) si basa sul concetto di broadcasting, meglio noto come ABC, ovvero Always Be Casting.
Chi si approccia a Twitch in sostanza non registra dei video e poi li carica, ma ha la volontà di andare live per vivere in diretta le proprie esperienza con la sua community.

07. TWITCH: È POSSIBILE FARE ADVERTISING?
Assolutamente sì!
Twitch, proprio come altre piattaforme social, permette di attivare campagne di advertising digitale.
Qui vi riassumiamo le principali tipologie:

  • Desktop Video, Mobile Video e Cross Screen Video
  • Homepage Carousel e Homepage Headliner
  • Medium Rectangle e Super Leaderboard
  • SureStream

A questo link è possibile approfondire le modalità di attivazione dell’ adv.
Oltre alla classica piattaforma di advertising.
Twitch mette a disposizione delle aziende anche una sorta di marketplace, dove le aziende commissionano attività (es. 15 minuti di gioco X con relativo brief) e gli streamer possono scegliere di accettarle al compenso concordato.


IL FUTURO DI TWITCH RIGUARDA SOLO GLI E-SPORT?

Il progetto di Twitch è quello di non rimanere relegato agli e-Sport (su cui comunque sta investendo tanto), ma di testare altri settori attraverso creators del mondo musicale, beauty, fashion & fitness.

Insomma, Twitch è una squadra in un campionato dove le regole vengono continuamente riscritte e di cui non abbiamo realmente ancora compreso la formazione schierata: è certo che la centralità che la piattaforma dà alle attività di community è un tratto distintivo di cui nè il digitale, nè le aziende che lo vogliono presidiare, possono fare a meno.


Come ti abbiamo già detto nel nostro primo #MegaBite, non ti lasceremo mai con 3 soluzioni cotte e mangiate, né con i 3 segreti definitivi e l’errore invisibile che tutti commettono per fatturare triliardi di paperdollari.

Eccoci qui con 3 domande per farti riflettere sulla tua percezione dei social media.


Sei interessato ad approfondire la progettazione di piattaforme di digitali finalizzate alla vendita?

Alla luce di quanto letto:

  1. Qual è il primo luogo comune sui social network che vuoi abbandonare in questo 2021?
  2. Qual è la prima cosa che ha stupito di Twitch?
  3. Quale pensi che potrebbe essere una  opportunità di placement o influencer marketing  per il tuo business su Twitch?

 Se vuoi condividere con noi le tue riflessioni puoi  inviarci un DM o taggarci su

Twitter: @Magilla_Agency

Instagram: @Magilla.Agency

Facebook: @Magilla.Agency

LinkedIn: @Magilla.Agency

per raccontarcelo.

Raccoglieremo e analizzeremo tutti i feedback per le prossime uscite di MegaBite.

Articoli correlati
Smart Working, Infodemia e Resilienza: il marketing e le parole della pandemia

Smart Working, Infodemia e Resilienza: il marketing e le parole della pandemia

Cosmesi e beauty: perché nel 2022 vendite e consumatori corrono online

Cosmesi e beauty: perché nel 2022 vendite e consumatori corrono online

Sportswear: dalle evoluzioni del mercato al caso Northwave

Sportswear: dalle evoluzioni del mercato al caso Northwave

Dicci cosa ne pensi su...

Vuoi saperne di più?

Oppure scrivici

    1
    Dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy presente sul sito ed autorizzo inoltre il trattamento dei miei dati personali secondo la Sezione 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003 art. 13 del Regolamento generale sulla Protezione dei Dati (EU) 679/16 (GDPR).
    Iscriviti alla nostra newsletter

    Sai cos'è MegaBite?

    MagillaGuerrilla s.r.l.

    Palazzo Aldrovandi
    Via Galliera 8 - Int. 22 - 40121 Bologna (BO), Italy
    P.I. – C.F. 03157711205 - REA BO 496758 - C.S. € 12.000
    Tel. +39 051 221872

    Privacy policy - Cookie policy - Impostazioni cookie

    Magilla | Il pollice opponibile del marketing